Regalo di Natale e la partita a poker –

Poker Torneo Natale

La magia della natività, i preparativi e le corse dell’ultimo momento per i regali sono solo alcuni degli aspetti che ogni anno emozionano e rendono unico il Natale. C’è poi la passione per i giochi da tavolo ma soprattutto per il poker, i giocatori non possono rinunciare a uno dei classici delle festività. Che si tratti di una partitella tra amici e parenti o di un appuntamento con le sessioni online, il poker è uno dei protagonisti dei momenti più magici dell’anno. Non c’è però il solo poker giocato ma questo può essere il punto di partenza per una scorpacciata di film dedicati o anche per la scelta di un omaggio da far trovare sotto l’albero. Il poker è il gioco della passione, ecco alcuni dei modi per viverlo durante le festività del Natale.

Poker di Natale, una tradizione che fa festa

A Natale lo spirito agonistico potrebbe passare in secondo piano, anche se questo non vale in tutti i contesti. Il poker è tradizione in molte case ma anche nelle più importanti case da gioco, un Natale al casinò è una esperienza che ogni player dovrebbe provare almeno una volta. I ritmi sono quelli intensi di un gioco che prende, ecco perché la parentesi natalizia è l’occasione ideale per aprire al gioco anche quanti vi si avvicinano per la prima volta. Molte passioni hanno inizio proprio durante la notte di Natale e, perché no, questa potrebbe essere l’occasione per accendere l’amore verso uno dei giochi da tavolo più affascinanti.

Parlare di poker durante le festività potrebbe dire Texas Hold’em, è indubbio che questa è la disciplina ormai mainstream quindi la più giocata anche nelle sessioni informali durante le feste. Il Natale potrebbe essere però l’occasione per rispolverare il fascino della variante five cards, quel poker a cinque carte coperte che amiamo denominare “all’italiana”. Rispolverarne le regole, anche nella variante del poker online non fa mai male. Il resto è affidato alla voglia di trascorrere la festa in ottima compagnia, magari vincendo anche una buona fetta di panettone.

Dagli albori al Natale, le origini del poker

Pur pensando alla magia del Natale, ricordare le origini del poker è uno dei modi per interpretare al meglio lo spirito del gioco e magari anche per fare bella figura alla prossima reunion di Natale. Il suo nome nasce dalla attitudine del player a spingersi oltre, to poke in inglese. Se il termine fa ripensare al tentativo da parte dei professionisti di spingere l’avversario a rischiare, la variante natalizia non può che allontanarsi dalla logica del guadagno di gioco per abbracciare il sano spirito dello stare insieme. Forse proprio questo era lo scopo nell’antica Persia, laddove con molta probabilità il gioco ebbe inizio.

Certamente associamo il Poker alla sua storia più recente, magari ricordando quando veniva giocato sui battelli che solcavano il Mississippi ai tempi del West. Il poker attuale è quello giocato nei casinò, luoghi che a Natale si animano di player e impegnano i dealer in ogni parte del globo. C’è anche il poker moderno, quello giocato online: il Natale è l’occasione per tentare la magica vittoria in tornei dal jackpot promettente. Duecento anni fa così come ai nostri tempi, il poker cattura anche nella notte più magica dell’anno.

Il poker nei film, alcuni titoli per Natale

Si sa, le festività per molti significano più tempo da dedicare alla famiglia. Questo vale anche per quanti vivono il poker come una passione, ecco che la scelta di un buon titolo è un modo per condividere il gioco dei giochi anche con quanti ne sono un tantino distanti. A Natale si sa, una scorpacciata di film è un must per la famiglia. Il classico di “Una poltrona per due” non può mancare ma anche i film a tema poker possono ispirare e catturare l’attenzione.

Uno dei classici è “Regalo di Natale”, una delle pellicole del maestro Pupi Avati. Qui si scopre un Diego Abatantuono nelle vesti drammatiche e un impareggiabile Alessandro Haber, è un film che si ambienta nel mondo del poker ma che lascia trasparire i risvolti nelle vite dei protagonisti. Molto più recente, “Molly’s game” è uno dei titoli più visti di sempre. Ambientato tra New York e Hollywood, il film racconta una storia di intrecci tra la passione per il gioco e l’azione. È un film che cattura l’attenzione dal primo all’ultimo istante, è assolutamente da non perdere.

Appassionati di poker? Ecco i regali perfetti

Poker a Natale significa anche un mare di idee per i regali sotto l’albero. Che si tratti di omaggiare il compagno o la compagna appassionati del gioco o di dedicare un piacevole pensiero agli amici della partita del venerdì sera, il gioco apre a numerosi spunti per ogni budget. Il bello di questo gioco sta proprio nel fatto che offre una opportunità proprio a tutti. Si può partire da un set di fiches in plastica da qualche decina di euro per arrivare ai set da gioco più blasonati, non serve toccare il lusso estremo di Meteorite per fare un regalo di certo gradito.

Poker significa anche cravatte stravaganti ma anche t-shirt a tema, qui si apre un mondo di combinazioni adatte. Ogni appassionato sogna certamente un panno professionale per ricreare l’ambiente perfetto, anche un gadget a tema può di certo conquistare un sorriso soddisfatto. Non dimentichiamo gli occhiali, sono un accessorio quasi irrinunciabile per quanti siano alla ricerca della perfetta poker face. Le idee non mancano e, anche se il regalo non fosse di gradimento, un buon giocatore di poker saprebbe dissimulare l’imbarazzo.

Poker di Natale, quando il gioco unisce tutti

Se il Natale in famiglia chiama, anche il più appassionato di poker è tenuto a rispondere. Ecco che incontrare i parenti e condividere i momenti delle feste può essere l’occasione perfetta per mettere in piedi delle sessioni di poker “casalingo”. Qui c’è spazio per la fantasia, si abbandonano le vesti più formali per giocare per il puro spirito di condivisione. Non serve più di un mazzo di carte francesi, basta togliere i jolly per iniziare a giocare. Le plastificate possono andare bene, anche se non si tratta di Bicycle non c’è problema.

Dei bottoni possono diventare le fiches di gioco, c’è chi usa dei fogli di carta o chi persino si cimenta con i numerini della tombola: ampio spazio alla fantasia! Ciò che non deve mancare è la voglia di includere anche chi non ha mai giocato, fare qualche giro a carte scoperte è il modo perfetto per spiegare il poker. Non resta che metterci la voglia di giocare in perfetta armonia, è la notte di Natale.

Author: Justin King